SETTEMBRE 2020 DOPO IL PRECEDENTE SOLD OUT LUCIO LEONI TORNA IN CONCERTO A ROMA PER PRESENTARE IL NUOVO DISCO: 10/09 EFFIMERA: L'ESTATE POPOLARE.


 

A un mese dal sold out realizzato questa estate, LUCIO LEONI torna dal vivo a Roma per presentare il suo ultimo album di inediti “DOVE SEI PT.1”. L’artista si esibirà nuovamente negli spazi del Fusolab per ‘Effimera: l’estate popolare’ il prossimo 10 settembre. Un’ulteriore occasione per far conoscere anche al pubblico della propria città l’ultimo lavoro discografico.

Brillante, eclettico e visionario, Lucio Leoni spazia, con ironia e fantasia, dal teatro canzone al rap, dal folk alla canzone d’autore, approdando a uno stile proprio e riconoscibile che sintetizza poesia e sperimentazioni sonore.

“Dove sei pt.1” rappresenta il primo capitolo di un disco doppio che vedrà la luce in due diverse uscite nel corso del 2020: la prima è stata rilasciata a maggio e una seconda è in arrivo nei mesi autunnali.

In questo lavoro discografico, l’artista presenta i primi otto brani di un corpus di sedici, che si immergono nel dove del tempo e dello spazio. Una sorta di capitolo finale di una trilogia iniziata con i precedenti album, “Lorem Ipsum (gli spazi comunicativi)” e “Il “Lupo Cattivo (il bosco da attraversare)”, e che conclude adesso con “Dove sei”, un lavoro che si presenta già dal titolo senza punti interrogativi né esclamativi, bensì solo con la consapevolezza di essere qui, adesso.

“Dove sei pt.1” è stato anticipato ad aprile dal singolo e videoclip “Il sorpasso” feat. C.U.B.A Cabbal.

Link al videoclip de “Il sorpasso” su YouTube:  

https://www.youtube.com/watch?v=3_opNwiS0P8&feature=youtu.be

Altri estratti dal disco sono il brano “Il fraintendimento di John Cage”, rilasciato a marzo, e il videoclip “Mi dai dei soldi” pubblicato a dicembre 2019, che vede la collaborazione con il drammaturgo e attore Andrea Cosentino, vincitore del Premio Speciale Ubu 2018.

Link all’ascolto del brano “Il fraintendimento di John Cage”:

https://www.youtube.com/watch?v=qWAfbYUuvjc

Link al videoclip di “Mi dai dei soldi” su YouTube: https://youtu.be/Rwuc8G-x1cE

“Dove sei pt.1” è stato presentato con un’ampia intervista in anteprima su Il Venerdì de La Repubblica e con interviste su Il Corriere della Sera, Il Fatto Quotidiano, Il Manifesto, Left, riscuotendo, fin da subito, un ampio consenso da parte della critica che ha recensito con entusiasmo il disco sulle pagine di magazine come Rumore, Vinile, Blow Up, Raro Più, Buscadero e sulle principali testate online. Oltre 150 siti, infatti, hanno parlato di “Dove sei pt.1” e di Lucio Leoni, tra questi: XL La Repubblica, Fanpage, Skytg24, Corriere.it, Rockit, Sentireascoltare, Rockon, All Music Italia, Webnotte di giorno su La Repubblica, Artwave, Oaplus, Le Rane e moltissimi altri.

L’album, inoltre, è stato presentato con interventi in numerose trasmissioni radio e tv di qualità, tra cui Rai Radio1 Music Club, Rai Radio1 In Viva Voce, Rai Radio1 Un giorno da Gambero, Rai Radio2 Lo Stato Sociale Show, Rai Radio2 Prendila Così, Rai Radio2 Le Lunatiche, Rai Radio3 La Lingua Batte, Radio24, GR1 Rai, Rai Radio Live, Sky Arte Luce Social Club, Rai5 Save The Date, Rainews24, Rai3 Tgr Lazio, Rai3 Tgr Toscana, Rai Italia L’Italia con voi, e moltissime altre.

Hanno scritto di “Dove sei pt.1” di Lucio Leoni:

“Un lavoro pensato con uno spirito tardo-romantico, una riflessione ad ampio spettro su alcuni temi universali (il bisogno di trascendenza, le trasformazioni che ciascuno di noi vive durante il suo processo di crescita, il senso e il ruolo dell’arte) realizzato mescolando generi e linguaggi: cantautorato, hip hop, spoken word, teatro, sperimentazione. […] Pur affrontando tematiche complesse, Leoni riesce a sfuggire alla tentazione della seriosità.”

Il Venerdì La Repubblica, intervista di Andrea Silenzi dell’1 maggio 2020

“Parola che si fa gesto e performance come nel teatro, ma certo soprattutto musica, con una cura speciale per il suono. […] Eclettico e visionario, Lucio Leoni continua a spaziare fra i generi tenendo presenti quelli che reputa i suoi maestri: il Living Theatre e Cathy Marchand da una parte, John Cage e Filippo Gatti dall’altra.”

Il Corriere della Sera, intervista di Federica Manzitti dell’8 maggio 2020

“Per Lucio Leoni, classe 1981, la musica è un universo talmente variegato che è impossibile porsi dei confini. […] Un approccio sonoro che si affida alle improvvisazioni, ispirato al mondo dello spoken word e delle poetry slam.”

Il Manifesto, intervista di Stefano Crippa dell’8 maggio 2020

“Non c’è modo di catalogare Lucio Leoni. E questa sua involontaria (o forse no) incapacità di fare una cosa sola in un solo modo lo rende, senza alcun dubbio, uno degli artisti italiani più interessanti degli ultimi anni. […] Caustico, divertente, amaro, e molto altro ancora, Leoni con questo album raggiunge livelli più che alti di creatività e ingegno.”

Webnotte – La Repubblica, recensione di Ernesto Assante del 28 maggio 2020

“Originalità e personalità di scrittura Lucio Leoni li aveva dunque già ben dimostrati, ma nel suo nuovo album Dove sei pt.1 arriva all’opera più completa e incisiva. […] In attesa del secondo capitolo non resta dunque, a chiunque cerchi nelle canzoni qualcosa di più di un piacevole sottofondo, che godersi questo fino in fondo. L’innamoramento è facoltativo, ma il rischio c’è: il materiale può essere contagioso e le mascherine sulle orecchie non hanno alcun effetto.”

Il Fatto Quotidiano, intervista di Federico Fiume del 12 maggio 2020

“Lucio Leoni è un musicista che è solito gettare il cuore oltre l’ostacolo. Talento del cantautorato romano, ha spinto ancora più in là l’innovazione portata da artisti come Daniele Silvestri o Niccolò Fabi. Loro furono gentili, lui ci dà dentro. […] Tra citazioni di Battiato e Bluvertigo, e partecipazioni ben oltre la collaborazione “tanto per”, l’album segna una strada nuova nella canzone d’autore italiana.”

La Repubblica, recensione di Fulvio Paloscia dell’8 giugno 2020

“Quello di Lucio Leoni è un album praticamente perfetto. Otto brani che hanno carattere, sputati fuori da una penna illuminata, di un cantautore letteralmente unico nel suo genere. […] Lucio Leoni non è bravo, è indispensabile, per ricordarci che c’è un modo più profondo e impegnato e poetico di concepire la musica. Grazie davvero.”

Agi.it, recensione di Gabriele Fazio dell’11 maggio 2020

“Dove sei è il nuovo album di Lucio Leoni, un lavoro pieno di riflessioni, domande ma anche stimoli per riprendersi qualcosa che ci è sfuggito: lo spirito critico nei confronti di noi stessi e quello che ci circonda.”

XL La Repubblica, intervista di Francesca Ceccarelli del 13 maggio 2020

“Leoni ha trovato l’approccio e il gusto, in un momento in cui la riconoscibilità passa spesso da altro. […] Leoni cura con acribia ogni suono, riuscendo ad essere viscerale ed elegante allo stesso tempo, magnetico e pulsante. Dove sei pt.1 è un disco che chiede pazienza all’ascoltatore, necessita di attenzioni, silenzio.”

Sentireascoltare, recensione di Beatrice Pagni del 9 maggio 2020

“La prima parte di Dove sei (che in tutto comprenderà un corpus di 16 brani) è un lavoro magistrale che evade dalla concezione standard del cantautorato e si eleva a composizione letteraria nel vero senso del termine.”

Rockit, recensione in evidenza di Marco Del Casale dell’1 giugno 2020

A questo link è possibile leggere un primo estratto di rassegna stampa:

https://www.bigtimeweb.it/hanno-scritto-di-dove-sei-pt-1-di-lucio-leoni/

TRACKLIST “Dove sei pt.1”

1) Il fraintendimento di John Cage

2) Il sorpasso feat. Cuba Cabbal

3) San Gennaro

4) Dedica feat. Francesco Di Bella

5) Treno

6) Mongolfiere

7) L’atomizzazione

8) Mi dai dei soldi feat. Andrea Cosentino

Prodotto da Lapidarie Incisioni

Etichette: Lapidarie Incisioni – Blackcandy Produzioni

Ufficio stampa e promozione per Lucio Leoni: Big Time This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Booking: Locusta Booking This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

CREDITI DEL DISCO “DOVE SEI PT.1”

“Dove Sei pt.1” è suonato da: Lorenzo Lemme (Batterie), Daniele Borsato (Chitarre), Nicoletta Nardi (tastiere), Giorgio Distante (Eufonio, tromba), Marco Colonna (Clarinetti).

Registrato nell’agosto del 2019 presso ‘La tana del bianconiglio’ da Nicola Baronti e Simone Sandrucci con l’assistenza di Leonardo Bernini, missato da Lucio Leoni presso ‘Studio-teatro’.

Post produzione Nicola Baronti e Simone Sandrucci presso ‘La tana del bianconiglio’. Mastering by C. Gruer at Pisistudio.

Il progetto grafico è di Livia Massaccesi.

I testi dei brani contenuti in “Dove Sei” sono tutti scritti da Lucio Leoni eccezion fatta per “Mi dai dei soldi” scritta da Andrea Cosentino, “Il sorpasso” scritta con C.U.B.A. Cabbal (Andrea Martelli).

Le musiche sono tutte scritte da Lucio Leoni, Lorenzo Lemme, Daniele Borsato, Nicoletta Nardi, Giorgio Distante, Marco Colonna, Nicola Baronti, Andrea Cosentino.

Si ringraziano Jacopo Ruben Dell’Abate e Luca Corrado per i numerosi spunti, idee, consigli e Francesco Di Bella per la voce in “Dedica”.

LucioLeoni Cecchetti 12 di 57
 

LUCIO LEONI nasce a Roma nel 1981 e lì ci rimane, fatta eccezione per una parentesi statunitense. Fin da piccolo dice di amare la musica, così la madre lo iscrive a una scuola di chitarra classica. A dodici anni si ribella al concetto di “studio disperato” e lascia tutto, in nome del calcio. Capisce presto di essere scarso e rinuncia alla carriera sportiva: a diciassette anni parte per gli Stati Uniti, dove frequenta il penultimo anno di liceo e riscopre l’amore per la musica.

Torna a Roma nel 2000 e forma la band di happy rock’n’roll “Yugo in Incognito”. Si occupa dei testi e della voce, pubblicando un disco e due ep: Puppurri (2003) “C’hai nis demo-cracy” e Uomini senza gomiti (2013). Si laurea in Scienze dello spettacolo alla Sapienza di Roma, con una tesi su “voce e drammaturgia in teatro”, e, successivamente, in Conservatorio dove frequenta il corso di Musica Elettronica. Durante gli anni universitari si avvicina anche al mondo teatrale e della recitazione, passione che influenzerà in seguito anche il suo stile musicale. Nel 2005 fonda lo studio di registrazione “Monkey Studio”: si occupa di numerose produzioni, accogliendo un gran numero di artisti. Diventa in tutto e per tutto un sound engineer. Contemporaneamente, inizia a suonare con gli Scolapasta Vintage, eccentrica band indie rock, e fonda, nel 2007, i Meccanica Ferma, sestetto elettroacustico votato alla ricerca.

L’esordio come cantautore avviene nel 2011, sotto il nome di Bucho: l’album si chiama “Baracca e Burattini” ed esce solo come musicassetta.

Nel 2015 esce per Lapidarie Incisioni “Lorem Ipsum”, il primo album firmato Lucio Leoni, che viene recensito e presentato con entusiasmo dalle principali testate, come l’Unità, Il Fatto Quotidiano, Rumore, Vinile, Rockerilla, Webnotte su Repubblica.it, Rockit, Rockol e moltissime altre.

Da “Lorem Ipsum” sono stati estratti 3 singoli e altrettanti video “Luna” “Domenica” e “A me mi”. Quest’ultimo ha ottenuto da subito importanti riscontri da parte del pubblico, consacrando il talento e la particolarità dello stile artistico di Lucio Leoni.

Link al video di “A me mi”: https://www.youtube.com/watch?v=f18jlT8mtwQ

A novembre 2017 esce “Il lupo cattivo”, disco di inediti pubblicato da Lapidarie Incisioni/iCompany – distribuzione Sony.

L’album, nel dicembre 2017, gli ha permesso di vincere la prima edizione del Premio Freak, il premio dedicato alla figura di Freak Antoni lanciato dal MEI, COOP Alleanza 3.0 e dall’ Associazione We Love Freak, con il sostegno della Regione Emilia Romagna.

Lucio Leoni ha presentato il disco “Il Lupo Cattivo” in moltissime trasmissioni di qualità tra cui, Rai Radio3, ospite con intervista e minilive del programma Fahrenheit, in diretta dal salone dell’editoria “Più Libri Più Liberi” di Roma, Rai Radio 1 In Viva Voce, Rai Radio1 Sport, Rai Radio Live, GR Rai, “Kudos” in onda su Rai4, “L’Italia con voi” su Rai Italia, Webnotte su Repubblica.it, TGCOM24 e numerose altre.

Hanno scritto dell’album “Il Lupo Cattivo” alcune tra le principali testate, tra cui: La Repubblica, Il Fatto Quotidiano, Il Manifesto, L’Espresso, Il Messaggero, Rollingstone, Rumore, BlowUp, Vinile, Rockol, Rockit, Sentireascoltare, Ondarock e molte altre.

Dal disco “Il Lupo Cattivo” sono stati estratti i due video e singoli “Le interiora di Filippo” e “Stile Libero”.

Link al video di “Le interiora di Filippo”: https://youtu.be/qF79TIyImZg

Link al video di “Stile Libero”: https://youtu.be/SjmAhFXWCig

L’uscita dell’album “Il lupo cattivo” è stata accompagnata anche da un tour di presentazione che ha contato oltre 60 concerti in tutta Italia e che si è concluso a Roma con una data speciale a Villa Ada nell’estate 2019.

Lucio Leoni ha realizzato inoltre diversi live set in apertura ai concerti di artisti come The Zen Circus, Tre allegri ragazzi morti, Motta, Edda, Giovanni Truppi, Giorgio Canali, Frankie Hi-Nrg Mc.

Nel 2020 Lucio Leoni annuncia l’uscita del suo nuovo progetto discografico “Dove Sei”: un lavoro che vedrà la luce in due distinti capitoli che saranno rilasciati nel corso dell’anno.

L’8 maggio 2020 esce la prima parte, anticipata dal video e singolo “Mi dai dei soldi” feat. Andrea Cosentino, seguito dal secondo estratto, il brano “Il fraintendimento di John Cage” e dal singolo e video “Il sorpasso” feat. C.U.B.A Cabbal.

CREDITS:

  • BIG TIME Ufficio Stampa e Promozione:
  • CLAUDIA FELICI O FABIO TIRIEMMI 
    E-MAIL: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. 
    SITO:     http://www.bigtimeweb.it

SEGUICI SU:
facebook.com/bigtimeroma http://facebook.com/bigtimeroma
instagram.com/bigtimeweb http://instagram.com/bigtimeweb