progetto almax

facebook icon instagram icon email icon facebook icon


Stefi Pastori Gloss

Purtroppo (o per fortuna) da almeno sette anni si può dedicare alla scrittura a tempo pieno. Aborre l'uso di fotosciop per poter applicare con coerenza il suo Forforisma Pastorology preferito: "Indosso le rughe come medaglie". Agli inizi della sua carriera da scrittrice, redigeva i suoi curricula alla di James Joyce, e quando le fu fatto notare il parallelismo, esecrò. Per controtendenza, si applicò allo studio e all’applicazione della massima sintesi, con Ungaretti a farle da guida. Poi cadde nei baratri stilistici di David Foster Wallace e fu la fine con la redazione contemporanea dei Neologismi. Sceneggiatrice ghost writer nei Novanta per Benvenuti, Verdone, Brizzi, selezionatrice di opere letterarie sotto contratto, ha redatto per circa tre anni un blog di recensioni dedicate a emergenti, le migliori delle quali sono ospiti in un podcast radiofonico. Grazie ad un ex partner, la si può fregiare dello pseudonimo di Gloss, Gruppo di Lavoro e Osservatorio Sessismo e  Stalking. Nel 2013 esce CORPI  RIBELLI - resilienza tra maltrattamenti e stalking. II Edizione nel 2016. Da aprile 2019, ha subito totale aggiornamento, tanto da rendere necessaria la riscrittura perfino nel titolo, che diventa RINASCITE RIBELLI - resilienza nei maltrattamenti intra familiari e stalking. Nel 2016 è stata pure pubblicata una silloge poetica, MICA VAN GOGHispirata a Caparezza. La rivista online Dol's vara la sua carriera da novellatrice contro l'uso improprio degli stereotipi di genere. Sta approntando un nuovo spicilegio di POESIE SPOLLICIATE, neologismo che riguarda lo scrivere coi pollici sullo smartphone, e un’ulteriore raccolta dal titolo provvisorio RESISTERE PER SOPRAVVIVERE - ciascuno a suo modo, ambientata durante la II Guerra Mondiale, a sfondo erotico. La spigolatura di novelle STEREOTIPI A BAGNOMARIA, già sotto contratto di casa editrice nel frattempo fallita, è da pochi giorni al vaglio di altro editore. Tutt'ora è scrittrice fantasma per un'avvocata ninfomane, la cosiddetta @ninfoavvocata di Twitter, non se ne adonta, pur dovendo lottare con chi la crede tale, e comunque per chiunque abbia idee ma non tecnica: redattrice della biografia personale del nonno di turno, il cui tronfio ego vuole lasciare traccia di sé ai nipoti, copywriter per il titolare della fabbrichetta di piastrelle, stufo della scarsa qualità di scrittura del figlio del lattaio per redigere il proprio sito internet, scrittrice del fotografo di fama che negli Ottanta si inventò make-up artist (e gayo) a Milano per Versace, pur di fuggire dalle OP (Oppressive Puglie). Convinta da sempre che sia meglio essere cretini che troppo intelligenti: si soffre di meno. 

Stefi Pastori Gloss shot credit Mario Gramegna

Altro in questa categoria: « Andrea Borghi Jack Gallo »

Lascia un commento