Progetto Almax

15112015

2014 Marzo - Band - KARBONICA

Ciao Karbonica (risponde Riccardo Trovato voce della band), vi ringraziamo per la partecipazione su Almax Magazine di cui siamo onorati. Percorso artistico? I Karbonica sono una rock band Siciliana nata ad Acireale (CT) alla fine del 2008, per mano di tre appassionati di classic rock: Riccardo Trovato (voce), Herry Found (batteria) e Giancarlo Sancio (chitarra). Tra Dicembre 2008 e Gennaio 2009 si uniscono ai tre Giuseppe Puglisi (basso) e Giuseppe Pecci (chitarra).I Karbonica così al completo iniziano da subito a lavorare sull'arrangiamento di alcuni brani composti e scritti da Riccardo Trovato voce della band .Tra il 2009 e il 2010 le esibizioni live della band si concentrano prevalentemente nei pub dell'hinterland catanese, con una scaletta composta sia da brani originali che da cover classic rock anni '70 e '80. Nel corso del 2011 i Karbonica si concentrano sulla composizione e l'arrangiamento di nuovi brani, trascurando le esibizioni live. Nell'Aprile 2012 esce il primo lavoro della band, composto da 7 tracce inedite ed intitolato “Live in Studio” con cui partecipano a diverse manifestazioni musicali regionali,raggiungendo la finale del 14° Lennon Festival e vincendo il Lavica Rock 2012. Durante l'estate la band è ospite di diverse trasmissioni radiofoniche, su tutte spicca la partecipazione al programma Heatstokessulla radioMaltese All Rock Malta.Dopo l'intensa estate live 2012, Giancarlo Sancio lascia la band a causa di impegni lavorativi e familiari e prende il suo posto Marco Miceli, con cui i Karbonica iniziano a lavorare su nuovi brani, in vista della registrazione di un secondo disco. Influenze musicali? Artisti quali Aerosmith, The Cult, AC/DC, Led Zeppelin o Jimi Hendrix hanno di certo influenzato la nostra musica. Parlando di influenze musicali non possiamo fare a meno di nominare alcune realtà italiane quali i Timoria e i Negrita di metà anni '90. Come nascono le vostre sonorità? E' più importante un buon cd o tanta esibizione live?  Noi siamo una band più da live che da studio, tant'è che il nostro disco “Live in Studio” è stato registrato in presa diretta, salvo piccole sovraincisioni di voci e chitarre. Le esibizioni live regalano sensazioni e imprimono ricordi dei quali nessun artista può fare a meno, inoltre siamo convinti che la crescita professionale e musicale di una band dipenda molto dalla quantità e qualità dei suoi live. Che valenza ha l'aspetto estetico sul palco? Chiederci dell'aspetto estetico in un'epoca in cui(forse)è più importante apparire piuttosto che essere è di certo una domanda intelligente; noi crediamo che l'aspetto estetico sia importante, ma salire su un palco con naturalezza e apparire per quelli che si è lo è ancora di più. Chi si occupa della vostra sponsorizzazione? Purtroppo ci occupiamo noi stessi della sponsorizzazionedella band, contandomolto su un potente strumento di pubblicità che è il web. Non di rado (e per nostra fortuna), diverse radio o emittenti televisive locali ci hanno aiutato, invitandoci a format e programmi musicali, offrendoci una buonapubblicità. Crediamo fermamente che fare tanti live è il modo migliore per farsi notare e rappresenta la migliore pubblicità per una band. Che opinione a riguardo del panorama artistico musicale in Italia? In Italia si fa buona musica così come cattiva musica, non ci piace generalizzare, possiamo dire però che negli anni '90 in Italia è stato fatto buon rock e questa musica raggiungeva facilmente il grande pubblico, poi negli anni successivi lo scenario alternative ha di certo predominato accaparrandosi parte degli ascoltatori di quel buon rock e suoi derivati, riuscendo a raggiungere pure le radio e le TV. Oggi tuttaviail rock è concretamente un genere rivolto ad unanicchia di ascoltatori e le piccole band hanno pochissime possibilità di arrivare al grande pubblico. La musica proposta dalle case discografiche è omogenea e standardizzata, tende ad abituare l'orecchio degli ascoltatori a certe sonorità piuttosto che ad altre, la principale conseguenza è che il rock anche quello più classico e persino con influenze pop rimane e rimarrà di nicchia. Come mai viene dato così poco spazio agli esordienti? Secondo noi viene dato poco spazio agli esordienti per una ragione banale, chi investe denaro preferisce puntare su un cavallo vincente, sull'incerto difficilmente si scommette denaro, a meno che non si scorgano potenzialità importanti e la disponibilità ad investire degli stessi artisti che però, purtroppo di solito non hanno neanche 1 euro in tasca. Mai fatto provini in qualche Talent show? Perché? La band non ha mai fatto provini per Talent Show, però visto l'andazzo del mercato musicale non esclude a priori la possibilità di parteciparvi. Negli ultimi tempi abbiamo puntato più su contest a tappe che in caso di successo ti permettono di girare e suonare live in diverse regioni d'Italia. Rapporto con i fan? I nostri fan sono quelli che ci spronano a fare di più, spesso ci danno consigli utili a migliorare sotto ogni profilo artistico. Sappiamo bene che è il pubblico a permetterci di fare strada, noi amiamo il nostro pubblico, sono tutti ascoltatori di rock e suoi derivati, loro vogliono sentire grinta, botta sonora e vibrazioni positive e noi ci divertiamo a dargli quello che vogliono. Credete nella discografia Italiana? Noi che facciamo ancora rock non crediamo nella discografia Italiana, tuttavia facciamo musica e continueremo a farlo con passione, perchè senza la musica le nostre vite sarebbero vuote. Più soddisfazioni o più delusioni inseguendo la musica? Comporre, scrivere e arrangiare nuovi pezzi, poi suonarli dal vivo ci regala emozioni incredibili e chi non lo ha mai fatto non potrà mai capirlo. Sogni nel cassetto? Il nostro sogno nel cassetto, è quello di raggiungere il grande pubblico, quello che ti cambia la vita, beh ma questo è poi il sogno di ogni artista, che sia un musicista, attore o poeta. Progetti futuri ed aspettative? Tra i progetti dei Karbonica, vi è di certo la realizzazione di un secondo disco, cercheremo di farlo presto, già abbiamo accumulato molti brani, ma vogliamo mettere insieme quelli migliori e fare un disco con una sua chiara identità e senza scendere a compromessi con le mode del momento, insomma faremo ciò che ci piace tanto fare, Rock'n Roll. Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima.  [Intervista di: Alessia Marani -  Almax

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento