Progetto Almax

15112015

2013 Settembre - Moda - “SIVUS LAB”

"Silvia Pescatore nasce ad Avellino , studia grafica al liceo Artistico di Avellino e prosegue gli studi universitari a Roma presso l'Istituto Europeo di Design I.E.D. , specializzandosi nel settore Fashion Design. Terminati gli studi universitari si trasferisce nuovamente in Campania per iniziare tirocinio presso diverse aziende Campane che si occupano principalmente di produzione sartoriale e su misura di abiti da sposa , cerimonia , donna , uomo , bambina/o e accessori .Credendo molto nel suo territorio inizia a gettare le basi di quello che sarà un percorso tutt'altro che semplice. Nel 2010 crea il marchio SIVUS e realizza la sua prima capsule collection di capispalla, in pelle lavorata e pregiata, in serie numerata , inaugurando il suo primo showroom e concept store a Salerno. La collezione come del resto i suoi abiti ,sono dedicati a un pubblico di nicchia , esigente e ricercato. Il brand prende il volo e inizia a farsi conoscere . Ottiene da subito i primi consensi nonostante le mille problematiche che ci sono per chi come lei non aveva un patrimonio da investire. Un anno dopo , inizia la collaborazione con il suo compagno Pasquale Manganiello che inizia ad occuparsi dell'area commerciale di SIVUS .Inizia cosi' un sodalizio professionale e sentimentale che si dimostra vincente. Insieme decidono di rischiare e di presentare il prodotto ad un rinomato studio di Rappresentanza Campano "UPTOWN Rappresentanze" ,per provare a distribuire SIVUS in tutta la Campania. Grazie all'aiuto dell'agente vendita Carmen Criscitiello e di questa storica azienda di rappresentanza ,che credono sin da subito in questo prodotto , Sivus entra nel gotha della moda italiana esponendo a fianco a Mauro Grifoni , Manila Grace , Aglini , Bark , DonDup ,Roberto Collina ,Leather Crown, Gotha , Messagerie, e tanti altri. Il modo di lavorare cambia totalmente e gli orari di lavoro sono quelli di una vera e propria azienda . Decidono quindi di chiudere lo shop di Salerno , dove tutto è nato, e aprono il primo ufficio stile dedicato esclusivamente alla distribuzione. Le richieste di avere SIVUS all'interno dei negozi campani sono sin dalla prima esposizione un successo , infatti gli shop che vendono SIVUS in campania ad oggi sono tantissimi . I ritmi di lavoro sono frenetici , prima , durante e dopo una produzione. Tre mesi all'incirca per disegnare , e tantissimi altri per realizzarli. Ogni momento della giornata è dedicata a SIVUS . Pasquale e Silvia si dividono tra ufficio stile , deposito e aziende di produzione. Intorno a loro lavorano oltre 40 persone tra produzione e post produzione. Silvia è SIVUS . E' l'anima creativa di Sivus , si occupa della sua immagine , dal primo bozzetto al bottone piu' piccolo di un capo. Scelta di tessuti, materiali , colori , lavaggi e quant'altro. Pasquale Manganiello si occupa dell'area commerciale , del rapporto con il cliente e fa quadrare i conti . La paura è tanta e costante. Sbagliare una collezione implicherebbe la perdita di tutto. Nella moda poi , un giorno sei IN e un giorno sei OUT , quindi non esistono tentennamenti ; non si puo' essere stanchi nemmeno per un giorno. Devi amare questo lavoro per poterlo fare bene . Devi amarlo alla follia . Gli abiti sono sartoriali e curati in ogni minimo dettaglio. Ogni capo è una sintesi perfetta tra sartorialità italiana e new design. Sivus si ispira sempre a una donna forte e pratica . Raffinata e concettuale. La donna Sivus non è archetipo , al contrario è un'esplosione di svariate femminilità. Le stoffe e i materiali che non abbandonano mai il mondo sivus sono le sete pregiate e la pelle lavorata nei modi piu' strani o al contrario piu' classici . Sono sempre presenti nelle collezioni e rappresentano il nostro segno distintivo.  

"DOVE COMPRARE SIVUS: ANIMA STUDIO CAPACCIO KILL JOY NOCERA INFERIORE BOCA' SALERNO FACE UP FRATTAMGGIORE FASHION 3 CASORIA FUTURART BAGNOLI HOLDING TESSILE S.GIORGIO A CREMANO IL FARO AVELLINO LES FRERES NAPOLI MAVI BATTIPAGLIA MENABO' MARIGLIANO POLVERE DI STELLE NAPOLI PRISCO SOMMA VESUVIANA CLOSER CASERTA SHW NAPOLI SPAZIO C NAPOLI ZAO NAPOLI DI VINCENZO S.ANASTASIA."

Ciao Silvia, ti ringraziamo per la tua partecipazione su Almax Magazine di cui siamo onorati. Di cosa vi occupate? Siamo una piccola azienda di abbigliamento in fase di crescita ma già molto inserita nelle migliori boutiques della Campania. Come tutte le case di moda , riforniamo le boutiques delle nostre collezioni.  Il tutto è nato ad Avellino, i progetti creativi hanno più difficoltà a svilupparsi e diventare imprese nel meridione che nel settentrione della nostra penisola? In che modo? Nasce tutto ad Avellino perché la Campania è la capitale della sartorialità italiana . E’ qui che sviluppiamo i nostri progetti, affiancati da persone che in questo settore operano da tanti anni. Nel vostro sito ho trovato questa frase molto interessante: “La donna non è archetipa , al contrario un' esplosione di svariate femminilità.” Si,la donna SIVUS è un’esplosione di svariate femminilità. Le nostre collezioni sono camaleontiche e le donne che rappresentiamo hanno un unico fattore in comune… la forza. Il tutto ruota intorno a questo aspetto. La nostra donna può essere affascinante, androgina, femminile, sensuale, semplice, complicata, romantica, futurista. Questa non è una mancanza di personalità ma al contrario una capacità di adattamento… essenziale nel mondo in cui viviamo. Come nasce il processo creativo, come si sviluppa? I ritmi di lavoro sono frenetici, prima,durante e dopo una produzione. Tre mesi all’incirca per disegnare e tantissimi altri per realizzare. Ogni momento della giornata è dedicato a Sivus. Si parte da una accurata ricerca che come ho spiegato dura tanto tempo…poi si passa alla selezione e si impronta un mood di ispirazione. Da lì partono i bozzetti. Per arrivare a una collezione accorpata e completa se ne scartano migliaia e man mano si passa alla realizzazione dei primi prototipi su tessuto.  Si cambia idea all’improvviso non è semplice così come lo si racconta… a volte entra in gioco la delusione di un capo finito e realizzato perché magari non è come te lo aspettavi e poiché siamo estremamente maniacali e pretendiamo il massimo da ogni capo e soprattutto dalle sarte che lo realizzano, dedichiamo tutto l’impegno necessario per essere soddisfatti di quel prodotto. Noi ciimmedesimiamo nei clienti e vogliamo il meglio per noi e per loro. Ispirazioni dal passato, dal presente o dal futuro? quali? L’ispirazione viene sempre dal passato in quanto niente è nuovo ma tutto è già stato creato. Si può stravolgere un’idea o destrutturarla e da lì, può venir fuori di tutto… bisogna avere tanta fantasia. Mi piace definirmi una futurista di oggi che rielabora il passato soffermandosi su certi dettagli. Il dettaglio infatti è la nostra parola d’ordine. Qualche pensiero sulla moda e le mode attuali? Non mi piace definirmi alla moda. Ovviamente la seguo ininterrottamente ma non mi piace fare qualcosa perché adesso lo fanno tutti. Questo è un pensiero che non mi si addice. Penso che la moda sia infinita e versatile e ognuno dovrebbe esternare la propria natura. Non mi piacciono le persone che si etichettano o che ostentano troppo. Il buon gusto e l’espressività del proprio carattere lo si può manifestare senza strafare. È il dettaglio che ti contraddistingue. E' stato difficile proporvi nel punti vendita dove oggi si possono acquistare i vostri capi? Non ci siamo proposti da soli. Siamo in uno studio di rappresentanza che gestisce le nostre vendite in Campania . È cosi che funziona. Ogni marchio è come se avesse un referente in questo caso uno studio di rappresentanza con rappresentanti che presentano il tuo prodotto ai clienti (in questo caso i negozianti) che se interessati , acquistano le tue collezioni scegliendo i capi che più gli interessano. La cosa importante è affidarsi a un buono studio di rappresentanza e noi siamo in uno dei migliori. Uptown rappresentanze. Grazie alla loro e alla nostra bravura oggi vendiamo in quaso, 20 boutiques della Campania e una estera a Copenaghen. Riguardo la ricerca di materiali pregiati, quali sono le preferenze del brand? La nostra natura e tradizionalista ma allo stesso tempo futurista… Sivus è nata proponendo una cpsule collection in pelle lavorata… ed è per questo motivo che la pelle è la materia che lavoriamo principalmente. Siamo a stretto contatto con un professore chimico di pelli che ha esperienze infinite nel settore e attraverso la sua esperienza mettiamo in pratica idee formidabili creando pellami molto pregiati. I tessuti fanno da spalla ai pellami e sono anch’essi pregiati e importanti allo stesso modo. Contate di diventare un fenomeno nazionale? Come? Speriamo di diventarlo. Siamo molto ambiziosi ed estremamente maniacali e severi con noi stessi…questo perché pretendiamo il meglio e crediamo che il lavoro duro e sudato un giorno verrà sempre ripagato…semina e raccogli. I capi sono dei veri e propri manufatti artigianali di grande gusto. Ci sono limiti nei prodotti artigianali? Il nostro prodotto è artigianale nonostante sia destinato a una distribuzione grande,  ma questo non è un limite anzi una GARANZIA. Progetti per il futuro? Qualche anticipazione sulla prossima collezione? I progetti per il futuro sono tanti e chi come noi ha iniziato da zero ne avrebbe troppi da dire. Noi procediamo a passi lenti e decisi e chi vivrà vedrà. Di sicuro il nostro intento è farci conoscere all’estero. La nuova collezione è molto romantica e improntata sulla tradizione del sud. Mi sono ispirata alle cose che hanno accompagnato l’infanzia … cercando di riprendere posti, luoghi e cose che ne hanno fatto parte. Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima.  [Intervista di: Brian Nowak & Viola Venturini

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento