Progetto Almax

15112015

2013 Giugno - Pittore - ALESSIO PAOLONE

PITTURA AUTODIDATTA" Alessio Paolone è nato a Valmontone in provincia di Roma nel 1981. Vive e crea ad Artena,una piccola citta' in provincia di Roma. Sin da bambino sente un inclinazione per il disegno e la pittura ,attivita' che riprendera' qualche anno dopo la maturità scientifica. Da autodidatta, seguendo il suo spirito e le profonde riflessioni sulla natura, l'essere, la societa', realizza i suoi lavori in maniera astratta. Nel suo studio, ricavato da un garage, lavora con materiali diversi, quasi sempre riciclati. Utilizza colori e tinte poco convenzionali alla pittura classicamente intesa. Utilizza argilla, terra, polvere, vernici essiccate, plastica, legno, ecc.. oltre ad acrilici,olii, impregnanti, lucidi, resine. Realizza i suoi lavori con pennello, spatola, filo di canapa, anche a mani nude. Le tecniche utilizzate sono diverse: dalla pittura acrilica a quella a olio, dal dripping al panneggio, dal collage al craquelè; insieme a una ricerca sull'inconscio individuale e collettivo, sulla societa'. Dopo un percorso strettamente legato alla pittura, alla creazione planare, ha sentito il bisogno di staccarsi da cio' per dare una forma spaziale alle sue creazioni. Si dedica allora alla scultura, ricercando, nei materiali quasi sempre riciclati, una profondita' concettuale che sia riflessiva e dinamica rispetto alla realta'."

Ciao Alessio, ti ringraziamo per la tua partecipazione su Almax  Magazine di cui siamo onorati. Come ti sei avvicinato all'arte e quale è stato il Tuo percorso artistico? Sono un autodidatta che in un momento difficile della vita ha ricominciato a disegnare e dipingere,forse per sfogo, iniziando con gioco e divertimento con personaggi famosi. Da quel momento il passaggio all’ astratto è stato brevissimo, sentendo il bisogno di esternare le mie emozioni con una pittura non figurativa. Come nasce un tua opera? Da dove trai gli spunti? I miei lavori si basano su una costante ricerca di reazione dei materiali, di gioco dei colori e di libera espansione delle forme, di creazione di dimensioni fisico oniriche. Ogni lavoro presuppone una riflessione filosofica sulla natura, sul tempo, sui miti, una ricerca sull'inconscio individuale e collettivo, sulla società.Dove è possibile vedere le tue opere, hai mostre in programma? Le mie opere si possono vedere nel mio studio,spero un giorno di avere un laboratorio grandissimo dove lavorare ed esporre allo stesso tempo, sentendo la necessità di lavorare circondato da tutto quello che ho creato. Ho un profilo facebook e nell'album lavori si può vedere buona parte del mio percorso. Ho in mente di creare prossimamente un blog dove possa mostrare le mie opere e le mie riflessioni su di esse. Dal 13 Giugno al 6 Luglio participero' ad una mostra collettiva a tema a Roma presso la fondazione Luigi Di Sarro, dove sara' possibile vedere e toccare con mano una mia scultura prensile.Domanda: Quali artisti ti hanno ispirato e ti ispirano tutt'oggi? Beh... ce ne sono un po', uno su tutti è Jackson Pollock, che con la sua pittura istintiva e ricca di energia mi ha stregato sin da subito; ce ne sarebbero molti altri da menzionare ma diciamo che fanno parte tutti dell'arte della prima meta' del secolo scorso. Sogni nel cassetto? I sogni di solito non si rivelano, ma si puo' dire tranquillamente che sogno di migliorare, giorno dopo giorno, come uomo e come artista attraverso una costante ricerca di me stesso! Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima. [Intervista di: Pierpaolo Capuano (Vitriol)]  

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento