Progetto Almax

15112015

2013 Ottobre - Foto&Design - FABIO CARISSIMI

"CARISSIMI STUBLEY è uno studio con esperienza pluriennale nei settori della fotografia e design, sia per l'e-commerce che per la grafica cartacea. Il legame tra fotografia e design è imprescindibile, specialmente al giorno d'oggi dove la comunicazione è prevelentamente composta da immagini online e offline. Qualsiasi progetto industriale deve incontrarsi con un progetto fotografico per poter essere visibile e presente sul mercato. Da qui deriva la consapevolezza dello studio CARISSIMI STUBLEY di unire entrambe le discipline in un unico realtà, permettendo in questo modo una reale ottimizzazione delle risorse economiche."

Ciao Fabio, ti ringraziamo per la tua partecipazione su Almax Magazine di cui siamo onorati. A tu per tu con Fabio Carissimi, fotografo di eventi e graphic designer… Come ti sei avvicinato alla fotografia? Grazie a mia madre, è sempre stata lei la fotografa di famiglia, ricordo l’emozione del mio primo scatto durante le vacanze estive in Liguria all’età di 8 anni, lei e mia sorella in posa con vicino l’ immagine di un madonnaro. La macchina una Bencini Koroll II a “mezzo” formato 30x45mm e pellicola da 120; possediamo ancora sia la macchina che la foto! Raccontaci il tuo percorso da fotografo? Sei un’ autodidatta, hai seguito dei corsi, oppure hai frequentato delle scuole? Sono un autodidatta, mi vergogno un pò, ho frequentato un solo corso, leggo libri con le immagini, mi documento e cerco spiegazioni per le tecniche che mi affascinano e che poi sperimento sul campo per comprendere il mezzo. Importanti sono le collaborazioni con altri fotografi, hai modo di confrontarti e apprendere. Il primo approccio diretto con la fotografia lo ebbi a 14 anni con una Haking Speedy 33 con pellicola da 35 mm, regalatami da mia madre, con la quale ho fotografato un pò di tutto, dai GP di F1 ai viaggi all’estero. Dopo il passaggio al digitale provai alcune fotocamere reflex prodotte dalla Canon; fu amore a prima vista e così acquistai una reflex SLR EOS 450D con sensore APS, fotocamera che mi diede grandi soddisfazioni, dapprima l’utilizzo in automatico, poi una volta spostato il selettore su M iniziò l’avventura! Nel frattempo iniziai a lavorare in una fotolito, lì avvenne l’approccio indiretto, dove imparai l’arte della post produzione; dovevo correggere ed elaborare le immagini di fotografi professionisti e anche celebri. è stata una grande scuola, ho visto migliaia di scatti fotografici, un buon periodo denso di soddisfazioni, i committenti erano principalmente le grandi case editrici italiane ed estere. Mi ricordo della visita di Oliviero Toscani per la realizzazione della rivista Colors nella prima metà degli anni ’90. Parlaci del genere di fotografia per il quale ti sei specializzato.  Ancora non ho focalizzato questo tema, seguo prevalentemente eventi musicali per via della grande passione per la musica che ho studiato e praticato per alcuni anni suonando le tastiere in diversi gruppi Blues e Rock, sto lavorando anche su altri generi di fotografia quali l’architettura e il reportage. Entriamo nei dettagli; la composizione è davvero importante nelle tue foto?  Il mio occhio di solito viene attratto da ciò che a mio avviso si potrà tradurre in una bella foto. La composizione e la luce sono i due elementi importanti, altre volte bisogna sapere cogliere l’attimo e trasmettere le emozioni. Segui delle regole precise per le tue fotografie? Ho alcune preferenze ma per il resto direi di no. Metto insieme foto che risultino gradevoli dal mio punto di vista, ovviamente i fattori cambiano in base da cosa sto fotografando e da come lo sto facendo. La fotografia è sentimento,istintooppure razionalità.  Colori oppure bianco e nero?Il bianco e nero mi affascina come risultato, una soluzione che utilizzo di frequente è il virato seppia, però gli scatti sono a colori e successivamente converto da un metodo all’altro. Mi piace considerare il bianco e nero come un’intepretazione in base al soggetto fotografato, in altri casi subentrano fattori tecnici.Che marca di apparecchi utilizzi?Ho sostituito la precedente reflex SLR della Canon con un’altra della stessa marca, non nascondo la grande soddisfazione, apprezzo la morbidezza dei file generati e trovo il menù di facile comprensione. Ad ogni modo non lego troppo la mia passione alla marca o agli accessori, l’apparecchio è il mezzo che mi consente di cogliere al meglio quanto percepisco.Quali sono le ottiche che preferisci?Stesso discorso, ne ho diverse, alcune di altre marche, però le ottiche Canon sono le mie preferite, l’utilizzo varia a secondo del genere di fotografia.La tua foto più bella?Devo ancora scattarla! La definizione “più bella” è per me un concetto relativo. La visione è soggettiva, ad ogni modo ho alcune foto di generi diversi che a distanza di tempo mi sembrano ancora interessanti.Hai avuto dei fotografi che ti hanno ispirato?Certamente, ci sono fotografi molto bravi in circolazione, di alcuni di loro mi piace quasi la totalità dei loro scatti senza però avere delle ispirazioni particolari, di altri pur apprezzando solo alcuni lavori mi hanno però ispirato. Qual è la qualità fondamentale per un fotografo?Non accontentarsi mai, scatti una foto, la guardi e ti piace, la riguardi dopo una settimana e puoi vederla in maniera differente, dopo un pò di tempo quello scatto potrebbe apparirti pessimo. L’obiettivo è la perfezione!Parliamo di Post Produzione. Cerco di evitare l’intervento in PP, in alcuni casi è utile basta non eccedere con l’utilizzo.La PP in passato serviva per trasportare determinati valori sulla carta stampata dove il risultato era ed è per forza di cose inferiore rispetto alla stampa su carta fotografica, si trattava di  lavorazioni mirate a recuperare le caratteristiche delle foto originali con una tecnologia di punta che pochissime aziende avevano a disposizione, con l’avvento dei PC il tutto è stato reso usufruibile anche per la grande massa quindi è cambiata anche la percezione e l’utilizzo.  Soddisfazioni?Per ora le soddisfazioni sono l’approvazione e l’ammirazione dei miei lavori da parte delle persone ed per questo che sono a loro molto grato. Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima. [Intervista di: Almax Magazine

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento