Progetto Almax

15112015

2013 Marzo - "BIG" Disegnatore&Ritrattista - ANTONIO DE BLASI

"Sono un disegnatore, un ritrattista, realizzo opere con varie tecniche, vivo lavoro e respiro arte da sempre e per sempre, i miei lavori li trovate nel web sul mio sito o sul blog."

Biografia di Antonio De Blasi

Antonio De Blasi, nasce il 2 Settembre 1973 a Orbetello (Gr) autodidatta, con l'arte del disegno nelle vene. La sua passione per il disegno nasce già nei primi anni della sua vita e cresce con lui nel tempo, oggi una certa maturità acquisita lo rende ancora più incisivo e diretto. Espressionista e impressionista del suo e dell´altrui sentire, imprime sulla carta gesti di tutti i giorni "come il fumo di una sigaretta" ed esprime col fare deciso malinconie di volti che si eternizzano sulla carta. Il De Blasi plasma e modella i corpi come se la grafite della matita che tiene nelle mani fosse argilla fresca da
plasmare abilmente, creando soggetti che sembrano quasi prendere vita. Il disegno è pulsione, continuità, qualsiasi sembianza raffigurata emana lo spirito effervescente ed evocativo che l'artista vuole rappresentare; Corpi, volti, occhi che si intrecciano nostalgie che si innalzano prorompendo in canto.Molti scrittori e poeti lo hanno scelto per raffigurare le copertine dei loro libri... Il suo quadro interamente realizzato in pura grafite dal titolo "Riccioli" viene scelto dalla Aletti Editore per rappresentare la copertina del libro di liriche e poesie "Oltre L´Amore" di Sonia Demurtas, per la quale realizzerà un ritratto dalle sfumature nostalgiche... "I suoi disegni sembrano foto appena scattate e poggiate sul soffice mantello del giorno... Immortalati nel tempo siamo pezzi di vita che resteranno per l'eternità" (Sonia Demurtas) Nel 2008 lo scrittore Francesco Bocale lo sceglierà per rappresentare la copertina del libro di poesie "Ho camminato per sentieri infiniti". Nel 2009 realizza per la casa editrice Rupe Mutevole di Parma la copertina e le illustrazioni interne del libro "La parola e la pietra "del Poeta Fabio Clerici con il quale intraprende una serie di mostre in concomitanza con la presentazione del libro che lo porteranno ad esporre in alcune librerie di Milano e a Palazzo Ducale di Genova nella stanza della poesia. De Blasi ad oggi ha esposto a Roma, Milano, Genova, Varese, Monte Argentario, ed ha vinto vari concorsi artistici tra i quali "Ritorno alla terra e al mare" sezione pittura, grazie al quale è stato premiato con "diploma per meriti artistici" dal Ministro delle politiche agricole Luca Zaia. Dal Sito "Gigarte".

Ciao Antonio, ti ringraziamo per la tua partecipazione su Almax  Magazine di cui siamo onorati. Come ti sei avvicinato alla pittura? Ho sempre disegnato si da quando ero bambino il disegno per me ha sempre rappresentato la grammatica di base tramite la quale esprimere  il mio modo di essere e di pensare. Il tuo percorso? Sono un autodidatta e non ho mai avuto maestri, ho sempre lavorato da solo... ho disegnato sempre ed in ogni dove… soprattutto nei musei e sui treni. Le tue tele solitamente di cosa ritraggono? Preferisci colori caldi o freddi? La mia arte è prettamente figurativa amo la figura umana in ogni sua sfumatura…non realizzo paesaggi ma figure e qualche natura morta. Amo disegnare in grafite e quando lavoro a colori utilizzo i pastelli o le crete….che applico direttamente con le dita. Per quanto riguarda i colori di solito prediligo colori caldi da applicare su sfondi freddi. Come nasce un tuo quadro? Da dove trai gli spunti? Un mio quadro nasce in due modi: quando sono attratto da un viso da un corpo allora procedo a ritrarlo mentre se devo esprimere un’idea o un concetto cerco immagini tramite internet o ritagli di giornale che poi modifico e combino in modo tale da creare un’opera che comunichi il mio sentire. Cosa ne pensi delle mostre? Cosa ne pensi del gusto delle persone? Per quanto riguarda le mostre….visitarle mi piace molto mentre realizzarle di solito mi stressa e mi consuma … Per quanto riguarda i gusti della gente di solito curo poco questo aspetto e non mi pongo domande a tal riguardo vado dritto per la mia strada sicuro del fatto che i concetti e le idee che vengono fuori dai miei quadri parlano una lingua universale. Una soddisfazione? Le mie soddisfazioni: creare immagini che comunichino con la gente. Sassolini nella scarpa? Non ho sassolini nelle scarpe …. Nel mondo dell’arte cammino scalzo e quando prendo un sasso mi faccio male, non lo nego, ma vado avanti…con una ferita al piede ma senza sassolini nelle scarpe. Sogni nel cassetto? Il  mio sogno nel cassetto è “SONO STATO”. Credi nell'arte pittorica Italiana? Credo nell’arte universale. Progetti futuri? Il mio progetto per il futuro si chiama “SONO STATO” ed è un progetto al quale sto lavorando da due anni attualmente è il mio sogno nel cassetto. Grazie da Almax Magazine per la cortesia e la disponibilità. Con affetto e Stima. [Intervista di: Alessia Marani – Almax]  

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento