Progetto Almax

15112015

2014 Febbraio - PRONOSTICI SANREMO 2014 Festival della canzone Italiana” “Fe

PRONOSTICI SANREMO: Alessia: Ciao Rita, piacere di averti in questa rubrica tutta Sanremese. Sappiamo che c’è stato recentemente un grande lutto nella vita di uno dei più stimati artisti dell’Ariston e parliamo della moglie di Amedeo Minghi che tu conoscevi molto bene, ti senti di parlarcene? Rita: Elena è stata una mia carissima amica e la ricordo come una persona fortissima dalla quale si poteva apprendere quanto fosse importante la presenza salda di una donna sposata con un famoso e corteggiatissimo artista. Lei ha sempre sostenuto Amedeo con tutta sé stessa ed ora che purtroppo è venuta a mancare in modo così inaspettato credo che abbia lasciato un enorme vuoto sia a lui che alle loro due splendide figlie. Alessia: Hai visto che saranno presenti diversi big anche della musica alternativa? Rita: Si e volevo farti i complimenti perché ho letto che negli scorsi “Almax Magazine” hai intervistato un gruppo che ho trovato molto interessante e parlo dei “perturbazione”. Mi sembra di aver capito che sia un gruppo che ha sostenuto una lunga gavetta. Leggendo Almax Magazine ho imparato ad affezionarmi un po’ a tutti gli artisti che vengono menzionati e presentati in maniera così familiare ed intuitiva. Io ho sempre avuto una passione inerente allo “scouting” come si dice nel gergo e cioè di cercare nuovi talenti e rilevare le proposte interessanti. Il trovare nuove personalità è una dote che ho sempre avuto nel sangue sin da bambina. Alessia: Ora ti farò alcuni nomi di artisti che saranno sul palco del Sanremo, ti chiedo di lasciarmi qualche tuo giudizio in merito, anche solo con una parola o una frase. Cantanti “Big” Alessia: gara: Arisa Rita: Trovo Arisa molto simpatica, è una persona che ha saputo trasformarsi, ha saputo far ridere ma anche destare polemiche però se devo dirti la verità la trovo più una comica che una cantante, ma questo è solo il mio gusto. Alessia: Noemi Rita: Noemi è molto brava, mi piace qualche suo brano ma al contrario di Arisa forse lei è troppo seria con poca propensione all’autoironia. Alessia: Raphael Gualazzi Rita: Bravissimo artista ma con una timbrica che non mi piace per niente. Penso che comunque con i mezzi esistenti ad oggi possa risolvere questo problema. Alessia: Perturbazione Rita: Come ti dicevo anche prima, una piacevole scoperta. Alessia: Cristiano Dè Andrè Rita: Cristiano è molto bravo anche se portare il cognome “ De Andrè” è davvero impegnativo. Essere un figlio d’arte di un personaggio così grande mi fa pensare che non sia stato facile e che nella sua vita abbia dovuto attraversare moltissime sofferenze e dimostrare sempre un qualcosa di più rispetto ad altri. Io non lo conosco personalmente ma dai gossip ho potuto apprendere che in effetti abbia avuto diversi momenti difficili quindi gli auguro davvero tanto successo perché lo merita. Alessia: Ron Rita: Ron è già un “Big” di tutto rispetto, faceva parte della scuderia di “Lucio Dalla”. Io lo conobbi durante un “Cantagiro” ed era giovanissimo ma già con una bella voce ed una bella presenza scenica. Fare parte della scuderia di “Lucio Dalla” ai tempi era una grandissima opportunità e lasciava molta possibilità di accrescersi. Alessia: Riccardo Sinigallia Rita: Riccardo Sinigallia lo conosco, anzi, più che conoscere lui conosco suo padre perché era il mio assicuratore. Ricordo ancora che un giorno (Riccardo avrà avuto dedici anni) ed il padre Andrea Sinigallia mi chiamò per andare ad ascoltare il figlio “suonare” e praticamente andai a vedere questo gruppo di ragazzi dove Riccardo Sinigallia “suonava” che si chiamava “I sei per sei” da dove successivamente uscirono anche i “Tiromancino” dalla sinergia di Riccardo Sinigallia e Federico Zampaglione. Erano molto bravi ma devo dire che in effetti l’anima di questo gruppo fosse proprio Riccardo Sinigallia. Negli anni Federico Zampaglione lasciò a mio parere Riccardo Sinigallia un po’ al palo e questo lo trovai un po’ sgradevole, quindi ritrovare oggi un Riccardo Sinigallia nei “Big” di Sanremo non può che farmi un grandissimo piacere ed io senz’altro tiferò per lui. Alessia: Antonella Ruggero Rita: Vabbè “il top del top” , l’ho avuta in qualche serata quando lavorava con la vecchia formazione dei “Matia Bazar” e la sua voce era già divina. Alessia: Giusy Ferreri Rita: Lasciata un po’ in disparte in questi ultimi anni vedremo se riuscirà a rifarsi, io credo che comunque sia originale e con uno stile inconfondibile. Alessia: Abbiamo lasciato da parte qualche nome ma lo riprenderemo prossimamente. Pare che spesse volte nel Sanremo sia più importante la conduzione che la musica e quest’anno anche Raffaella Carrà parteciperà con Fabio e Lucina. Rita: Io e Raffaella siamo più o meno coetanee ed entrambe amiche di Renato Zero. La Carrà sicuramente è “una avanti” e per lei “tanto di cappello”. Alessia: "Se mi lasci non vale" è stato il primo promo di Sanremo 2014 cosa ne pensi, sapendo che sei molto legata a questa canzone? Rita: Si, perché tu sai che io ho un ottimo rapporto con il paroliere di Julio Iglesias che è Gianni Belfiore. "Se mi lasci non vale" è appunto cantata da Julio Iglesias ma gli autori del brano sono Gianni Belfiore per il testo e Luciano Rossi per la musica. Gianni Belfiore ha prodotto anche tre album di Julio Iglesias ed è l’unico autore che ha tradotto i suoi testi in Italiano. Con Julio Iglesias hanno collaborato ben 35 anni (li hanno fatti l’anno scorso i 35 anni) e per fare un omaggio ad Iglesias, Gianni Belfiore ha chiesto a Manolo che conosce da circa 20anni (si parla di “Manolo Cristian Abbondati“ che abbiamo avuto occasione di intervistare recentemente) di fare questo  tributo a Julio Iglesias  ritenendolo idoneo. Manolo ha accettato sia per la grande amicizia con Belfiore sia per le bellissime canzoni di Iglesias  e credo che il risultato si sia potuto vedere non solo in Italia. Alessia: Sarebbe bello vedere Manolo Cristian Abbondati al Festival, che ne pensi? Rita: Sicuramente ne avrebbe le capacità ed è un artista davvero a tutto tondo. Alessia: Per concludere secondo te chi vincerà questo Sanremo? Rita: Come ti dicevo, secondo me, lo vincerà Riccardo Sinigallia. Dicono come tutti gli anni che il Festival di Sanremo sia truccato, che già si sappia il vincitore, ma alla fine questi cinque giorni vanno visti solo come “vetrina per artisti” e non come una gara di talento. Ormai i meccanismi si sanno. Ci auguriamo di poter vedere (dati gli artisti anche esteri e le guest star che hanno chiamato per l’occasione) un bello spettacolo non politicizzato che possa divertire e far riflettere e non far parlare solo di sciocchezze.  Staremo a vedere.  Alessia: Grazie Rita e a presto.  Rubrica a Cura di Rita Nistico

SFOGLA IL MAGAZINE

Lascia un commento